SFINCI DI SAN GIUSEPPE

Le Sfinci di San Giuseppe sono un dolce tipico siciliano che viene preparato in occasione della ricorrenza del Santo.
Si tratta di piccoli dolcetti fritti ripieni di uva passa e ricoperti di zucchero, molto golosi.
La Ricetta, gli Ingredienti e i Consigli.

INGREDIENTI

Per l’impasto:
1 kg di farina, acqua tiepida q.b., 150 g di uva passa, 40 g di lievito di birra, 4 cucchiai di zucchero, la buccia grattugiata di un’arancia, 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva, 10 g di sale.
Per spolverizzare:
zucchero semolato e cannella in polvere.
Per friggere:
olio di arachidi.

PREPARAZIONE

Tenere a bagno l’uva passa in un po’ d’acqua tiepida per 10 minuti, in modo da reidratarla.
Successivamente, scolarla, asciugarla ed infarinarla.
Setacciare la farina.
Sciogliere il lievito e lo zucchero in 50 ml di acqua tiepida.
Versare la farina in una ciotola e formare la classica fontana al centro.
Versare nella cavità l’olio e l’acqua lievitata, iniziando a lavorare l’impasto.
Aggiungere, a poco a poco, l’acqua tiepida che occorre per ottenere una pastella morbida, mescolando in continuazione.
Continuare a sbattere finché l’impasto si staccherà dalla ciotola.
Unire l’uva passa, il sale e la buccia grattugiata dell’arancia, continuando a sbattere ancora per pochi minuti.
Dall’inizio della lavorazione occorrerà sbattere gli ingredienti per circa 15-20 minuti.
Dipende, poi, dal vigore con cui si sbatte l’impasto.
Coprire la ciotola e lasciare lievitare per un’ora o, comunque, fino a quando l’impasto presenterà in superficie delle bollicine.
Friggere poche sfinci alla volta, a cucchiaiate, nell’olio caldo.
Appena diventeranno gonfie e dorate, prelevarle con una schiumarola forata e metterle a sgocciolare su carta assorbente da cucina.
A frittura ultimata, rotolare le sfinci di San Giuseppe, ad una ad una, in un mix di zucchero semolato e cannella in polvere.

NOTE

  • Per la preparazione dell’impasto si consumano, in totale, all’incirca 900 ml di acqua.
  • La ricetta delle Sfinci di San Giuseppe che abbiamo suggerito appartiene alla tradizione messinese e, in genere, della Sicilia orientale.

CURIOSITÀ

  • La parola sfince per alcuni deriva dal termine arabo “sfang”, per altri dal latino “spongia” cioè spugna, e questi a sua volta dal greco “sfoggia”.
  • Le Sfinci di San Giuseppe vengono consumate in occasione della ricorrenza del Santo.
  • A seconda della località, si considera il nome “sfince” femminile o maschile.
    Si dice, infatti,”le sfinci”, “gli sfinci” o “i sfinci”
    Per la stessa varietà lessicale, in alcune zone vengono chiamate “sfincie” o “Sfince”.
  • Esistono altre ricette relative alle “Sfinci di San Giuseppe”.
    Una delle più conosciute è quella palermitana caratterizzata da sfinci che vengono prima fritte, poi ricoperte con crema di ricotta ed, infine, guarnite con granella di pistacchi, scorze d’arancia e ciliegie candite.
    Un’altra ricetta famosa, di origine campana, che si prepara anch’essa in occasione della Festa del Papà, è quella delle “Zeppole di San Giuseppe”, dei grossi choux farciti con crema pasticcera e decorati con pezzetti di amarena.

VOTA LA RICETTA O IL CONSIGLIO


CONSIGLI E RICETTE CHE POTREBBERO INTERESSARTI


Prima di andar via commenta la Ricetta o il Consiglio ↓

Lasciami un commento alla ricetta o al consiglio che hai trovato qui. Chiedimi un parere o racconta come è andata, proponi una variante o semplicemente lascia un saluto!

L'indirizzo email non verrà pubblicato.