Punto di fumo

Punto di fumo:
Il punto di fumo di un grasso, sottoposto a calore, è la temperatura alla quale esso può arrivare, rimanendo stabile.
Il punto di fumo non si dovrebbe raggiungere mai.
Superando tale punto (che si attesta attorno ai 180°C), il grasso inizia a bruciare, diventando dannoso per la salute.
Oltre tale punto, infatti, il grasso inizia a decomporsi, formando acroleina, una sostanza tossica e cancerogena.
Si oltrepassa il punto di fumo, quando il grasso, bruciando, inizia a produrre fumo.
Punto di fumo alto:
Ciascun grasso (olio, burro, lardo, strutto) ha un proprio punto di fumo più o meno alto. Alcuni grassi, come l’olio extravergine d’oliva, possono raggiungere temperature molto elevate, rimanendo stabili.

NOTA:

Il punto di fumo dipende dal grado di raffinazione raggiunto dal grasso preso in esame. Per questo motivo, spesso sul punto di fumo di un grasso vi sono pareri discordanti.

« Torna al Dizionario Gastronomico

VOTA LA RICETTA O IL CONSIGLIO