PANINI DI CENA MESSINESI

I Panini di Cena Messinesi sono una preparazione tipica di Pasqua.
La Ricetta dei Panini di Cena, gli Ingredienti e i Consigli.

INGREDIENTI PER UNA DECINA DI PANINI DI CENA

Per l’impasto:
250 g di farina manitoba, 250 g di farina 00, 50 g di zucchero, 50 g di strutto, 50 g di burro, 1 uovo, circa 250 ml di acqua, 1 cubetto di lievito di birra, 4 gocce di estratto di chiodi di garofano, 1 pizzico di cannella, 10 g di sale.
Per spennellare:
1 uovo, 2 cucchiai di latte.
Per decorare:
semi di sesamo.

PREPARAZIONE

Setacciare insieme le due farine.
Disporle sulla spianatoia a fontana e versare al centro il lievito, sciolto in due dita d’acqua tiepida, e lo zucchero.
Unire il burro, lo strutto, le gocce di chiodi di garofano, la cannella in polvere e l’uovo, iniziando ad amalgamare il tutto.
Continuare ad impastare aggiungendo acqua tiepida, fino ad ottenere un impasto morbido, ma non appiccicoso.
Ricordare che la “casetta del sale” va impastata lontano dal lievito, altrimenti l’impasto non lieviterà.
Pertanto è consigliabile porre il sale al di fuori della fontana, nella parte più esterna della farina, in modo da incorporarlo per ultimo, cioè dopo che il lievito avrà cominciato ad agire.
Quando l’impasto sarà pronto, batterlo per tre volte sul piano del tavolo e fare tre spacchetti sopra.
Avvolgere in un panno (in inverno in una coperta) e fare lievitare per circa un’ora, cioè fino a quando la pasta avrà raddoppiato il suo volume.

Nel frattempo, preriscaldare il forno a 220°C.
Trascorso il tempo di riposo dell’impasto, riprendere la pasta, formare un filone e dividerlo in pezzi di circa 80 g ciascuno.
Dare loro una forma tondeggiante, facendo attenzione che risultino perfettamente lisci.
Lasciarli lievitare, coperti, per altri 30 minuti.
Successivamente, spennellare la superficie dei panini con l’uovo sbattuto assieme al latte.
Passare, poi, la parte superiore di ogni panino in un vassoio ricoperto di semi di sesamo.
Foderare la placca del forno con l’apposita carta e deporvi i panini di cena, distanziandoli tra di loro.
Passarli nel forno già caldo, per circa 15 minuti (a seconda del tipo di forno utilizzato).
Estrarre i panini di cena quando saranno ben gonfi e la superficie sarà diventata lucida e dorata.
Lasciarli raffreddare.

NOTE E CURIOSITA’

  • I panini di cena sono una preparazione tradizionale messinese, chiamati anche “Panini ca ciciulena”.
  • A Messina, infatti, i semi di sesamo vengono chiamati “ciciulena”.
  • Nei tempi antichi i Panini di cena pasquali venivano preparati per i rituali del Giovedì Santo. Si ipotizza, infatti, che il panino di cena faccia riferimento al pane spezzato da Gesù Cristo davanti ai discepoli durante l’Ultima Cena.
  • Oggi, invece, le panetterie sfornano giornalmente i panini di cena morbidi, molto apprezzati dai messinesi e non solo.
  • In mancanza dell’estratto di chiodi di garofano, fare bollire quattro chiodi di garofano in un bicchiere di acqua. Lasciare ridurre fino a quando l’acqua diventerà di colore giallo.
  • Per velocizzare i tempi è possibile preparare l’impasto dei panini di cena col bimby.

VOTA LA RICETTA O IL CONSIGLIO


CONSIGLI E RICETTE CHE POTREBBERO INTERESSARTI


13 Commenti
  1. ALBA ha scritto

    DEI PANINI DI CENA HO UN RICORDO BELLISSIMO,ME LI COMPRAVA SEMPRE IL MIO NONNINO CHE PURTROPPO NON C è PIU.SONO VERAMENTE CONTENTA DI AVER TROVATO LA RICETTA,CHE ESEGUIRò AL PIU PRESTO.

    1. FraGolosi ha scritto

      Ciao Alba, bellissimo il tuo ricordo 🙂 a presto!

    2. Maria ha scritto

      Dove si trova l’estraatto di chiodi di garofano

      1. FraGolosi ha scritto

        Ciao Maria, puoi comprare l’estratto di chiodi di garofano online oppure in negozi specializzati in prodotti per pasticceria. A presto!

  2. pipirella ha scritto

    Ciaoooooo non sai da quanto cercavo questa ricetta!!! hai anche quella delle zuccherate per caso??

  3. cettina ha scritto

    Finalmente ho trovato la ricetta giusta ! Ho già’ fatto i panini di cena e anche le cuddure e sono venuti buoni ho notato pero’ che devono lievitare un po’ di più’ dopo averli dato la forma . Secondo te se do una forma di corona grande per utilizzare come centro tavola per pasqua ottengo un buon sisultato? Grazia mille e auguri

    1. FraGolosi ha scritto

      Ciao Cettina, il tempo di lievitazione dipende da vari fattori dei quali il più importante è la temperatura ambientale.
      È quindi normale che aumenti in base alla temperatura esterna.
      Per quanto riguarda la forma da modellare, è certamente possibile dare all’impasto una forma a corona. A presto!

  4. Daniela Orlando ha scritto

    Ci sarebbe una ricetta alternativa che non preveda,almeno,lo strutto?Grazie

    1. FraGolosi ha scritto

      Ciao Daniela, pur se non previsto nella ricetta tradizionale dei panini di cena messinesi, prova a sostituire lo strutto con uguale quantità di burro, che diventa in totale 100 grammi. Facci sapere e a presto!

  5. Dario ha scritto

    Buonasera,facendo bollire i chiodi di garofano in un bicchiere d’acqua per creare l’essenza,bisogna comunque calcolare 4 gocce a aggiungere all’impasto?Grazie mille

    1. FraGolosi ha scritto

      Ciao Dario, puoi aggiungere 4-6 gocce del prodotto ottenuto facendo bollire i chiodi di garofano in acqua. A presto!

  6. Nunzia ha scritto

    Salve sono contenta di aver trovato questa ricetta la proverò presto ma vi vorrei chiedere un consiglio se al posto dello strutto posso mettere solo il burro sapete sto in Svizzera e non l Ho trovo sempre purtroppo anzi direi mai! E x la farina Mantova qui nn si trova ma abbiamo una farina x treccia che sarebbe tipo i nostri panini dolci posso provare cn quella voi che ne dite si accettano consigli

    1. FraGolosi ha scritto

      Ciao Nunzia, sostituisci lo strutto con il burro e la farina manitoba con una farina di tipo 0. Tieni, però, presente che il gusto dei Panini di cena messinesi sarà leggermente differente. A presto!

Prima di andar via commenta la Ricetta o il Consiglio ↓

Lasciami un commento alla ricetta o al consiglio che hai trovato qui. Chiedimi un parere o racconta come è andata, proponi una variante o semplicemente lascia un saluto!

L'indirizzo email non verrà pubblicato.