FraGolosiLa ricetta è quella giusta

La ricetta è quella giusta

  • Cerca una ricetta

  • Show/hide menu

    ANELLI DI CALAMARI FRITTI

    Commenti

    Ricetta o articolo inserito in Categoria: A base di Pesce / SECONDI PIATTI | Tag: / ,

    Gli anelli di calamari fritti sono un ottimo secondo di pesce, da utilizzare anche come antipasto. Di seguito trovi la ricetta.

    Ingredienti per 4 persone:
    1,5 kg di anelli di calamari.
    Per la panatura:
    250 g di farina, preferibilmente di semola, sale.
    Per friggere:
    olio di semi di arachidi o d’oliva.
    (altro…)


    Preparazione:
    Afferrare la testa di ogni calamaro e tirarla dolcemente, senza strappi, fino a quando si staccherà dal sacco.
    Separare i tentacoli dagli occhi e dalle interiora.
    Eliminare questi ultimi.
    Aprire al centro i tentacoli ed eliminare il becco corneo.
    Aprire delicatamente la sacca, senza romperla, ed eliminare l’osso cartilagineo.
    Eliminare, anche, altre interiora e quant’altro si trova all’interno del corpo del mollusco, compreso l’inchiostro.
    Togliere, poi, la pelle, tirandola con delicatezza.
    A questo punto, sciacquare accuratamente tutto ed asciugarlo con la carta assorbente da cucina (o mettere a sgocciolare per 15 minuti).
    Tagliare, quindi la sacca ad anelli regolari.
    Tagliare, anche, le ali ed i tentacoli.
    Versare la farina in un sacchetto di plastica per alimenti.
    Mettere a riscaldare olio abbondante in una padella dai bordi alti. portarlo a temperatura, senza raggiungere mai il punto di fumo.
    Mentre l’olio diventa caldo (ma non bollente), mettere dentro al sacchetto un pugno di calamari alla volta, compresi “ali” e tentacoli.
    Scuotere bene il sacchetto per favorire la panatura.
    Friggere i calamari, stando bene attenti a non scottarsi con eventuali schizzi di olio.
    I calamari saranno cotti in 4-5 minuti.
    Appena dorati, prenderli con una schiumarola forata e metterli ad asciugare su carta assorbente.
    Procedere con lo stesso metodo, fino al termine degli anelli.
    A cottura ultimata, salare e servire subito con fettine di limone.

    NOTE:

    • Pur se il metodo di panatura consigliato è il più accreditato, i calamari ad anelli possono essere panati utilizzando uno dei seguenti metodi:
    1. Passarli nella farina, poi nell’uovo sbattuto ed infine nella mollica;
    2. Passarli nella farina e poi nell’uovo sbattuto.
    • I calamari, se non sono stati asciugati bene, hanno la pessima abitudine di “schizzare” l’olio, procurando ustioni più o meno profonde.
      Pertanto, è tassativo asciugarli perfettamente, prima di friggerli.
    • Gli anelli di calamari fritti si salano a fine cottura.
      Tuttavia alcuni preferiscono salare leggermente anche la farina.

    VARIANTE:

    Gli anelli di calamari si possono cuocere al forno, dopo averli passati nell’uovo e nel pangrattato.
    Porre in forno preriscaldato a 200°C, fino a doratura.

    Vuoi ricevere ricette di cucina? Iscriviti alla newsletter
    23 Commenti

    23 commenti

    • max

      faccio sempre come fai tu ma la doratura si stacca sempre perchè?

      • FraGolosi

        Ciao, potrebbe dipendere da una non omogenea infarinatura o dal tipo di olio usato.. Prova a cambiare olio. A presto!

    • mimmo

      pensavo di carpire quanche aspetto tecnico di preparazione diverso dal rutinario.
      starò molto attento a seguire la vostra ricetta
      sperando di ottenere il medesimo risultato di quando vado a ristorante

    • Raffaele

      Salve, ma io ho provatto a friggere gli anelli senza aver tolto antecedentemente la pellicina nera ed ho riscontrato che gli stessi anelli, dopo cotti, rimangono fragranti e non mollicci. Il segreto sarà la non eliminazione della pellicina?

    • thomas

      veramente il mio pescivendolo mi ha rivelato un segreto per friggere totani e calamari per farli restare croccanti: prima di passarli nella farina, bisogna passarli nella chiara d’uovo sbattuta leggermente…..(senza cioè farla nontare).ok? provare per credere|!!|

    • maria

      io li friggo con la frggitrice, ma come mai rimangono bianche?

    • marco ts

      se avete a disposizione calamari piuttosto piccoli, provate a friggerli interi

    • EDWARD

      TRE SA AVETI INCREDERE!ESTE FOARTE BUNA RETETA!POFTA BUNA!!!!!!!!!

    • CRISTINA

      stasera provo subito: non avevo mai pensato all’idea intelligentissima di mettere la farina nel sacchetto!!!…per una volta provo a non impiastricciarmi le mani…e poi così credo sia più omogenea. Voglio comunque provare a mettere una cucchiaiata di farina gialla oltre a quella bianca per vedere se mi dà più croccantezza…

      • FraGolosi

        Ciao Cristina, è davvero utile il sacchetto… poi facci sapere anche che risultato ti da l’aggiunta di farina gialla a quella bianca.. A presto!

    • Nicoletta

      Ho provato la ricetta sono venuti benissimo! Grazie e alla prossima ricetta!!!!

    • elena murgia

      l’avrei fatti proprio così, ma voleveo accertarmene confrontando il web e questa ricetta faceva al caso mio: è ben scritta e dettagliata, quindi complimenti e grazie

    • Le ricette di un oste moderno

      Ciao FraGolosi, adoro i calamari fritti e la tua ricetta e ben dettagliata. Io li impano prima nella farina00 e poi nel pangrattato…

    • aldo

      Stupendamente croccanti fuori e morbidi dentro! ma come fate?

    • carlos cuenca

      buoni

    • Amelie

      Ragazzi ma il condimento perfetto dolo i sali di Cipro al limone!!!! Gli anelli non appassiscono con il succo di limone e il sale croccante ne conserva tutto il sapore!!!! perfetti!

    • Pamela

      Buonissimi grazie!!!!

    • alissa

      Ciao. . Sembra tutto interessante… se ti va fai un salto sul mio blog… così ci scambiamo qualche consiglio. .. ;)

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È altresì necessario prendere visione dell'informativa sulla privacy per il trattamento dei dati da parte di FraGolosi ed esprimere il proprio consenso. Ho letto ed accettato i termini