HAMBURGER DI SOIA

Gli Hamburger di Soia sono un’ottima alternativa ai tradizionali hamburger di carne.
La ricetta degli hamburger di soia è una delle classiche ricette vegetariane, sempre più apprezzate.

Potrebbero interessarti anche queste ricette:

INGREDIENTI PER 6 HAMBURGER DI SOIA

Per l’impasto:
100 g di soia granulare, 1 dado vegetale, 1 l di acqua, 2 fette di pancarrè, 40 g di parmigiano grattugiato, 30 g di pecorino grattugiato, 1uovo, 1 ciuffo di prezzemolo, sale e pepe.
Per panare:
pangrattato q.b.

PREPARAZIONE

Preparare il brodo vegetale con il dado e portarlo a pieno bollore.
Versare la soia nel brodo bollente, mescolare e poi spegnere la fiamma.
Lasciare reidratare la soia per 15-30 minuti o fino a quando triplicherà il suo volume.
Scolarla con cura, quindi farla intiepidire e strizzarla con le mani.
Mettere la soia in una ciotola e lasciarla raffreddare.
Nel frattempo, bagnare le fette di pancarrè in un po’ d’acqua e strizzarle.
Appena la soia reidratata si sarà raffreddata, unire l’ uovo, il pane strizzato, il parmigiano, il pecorino e il prezzemolo tritato.
Insaporire di sale, di pepe ed aggiungere la quantità di pangrattato occorrente per ottenere un composto morbido, ma non appiccicoso.
Dividere il composto in sei porzioni uguali.
Posare una porzione d’impasto su carta da forno, ricoprirla con altra carta e darle la forma classica rotonda degli hamburger e cioè circa 10 cm di diametro per un’altezza ottimale di circa 1,5 cm.
Sollevare, poi, l’hamburger con delicatezza dalla carta e passarlo nel pangrattato.
Procedere allo stesso modo con le altre porzioni di impasto.
Ungere una bistecchiera con olio di oliva, riscaldarla e deporvi gli hamburger.
Farli cuocere per circa 2-3 minuti per lato, girandoli con una paletta solo quando si staccheranno dalla bistecchiera con facilità.
A cottura ultimata, trasferire gli hamburger di soia su un piatto da portata e servirli con patatine fritte oppure con un’insalatina di stagione.
In alternativa, servire gli hamburger in appositi panini per burgers.

QUALCHE NOTIZIA SULLA SOIA

La soia è un legume di origine asiatica, che si ricava da una pianta annuale appartenente alla famiglia delle Leguminose.
La pianta cresce spontanea, ma sembra che in Asia Orientale fosse coltivata prima ancora dell’esistenza di documenti scritti.
I Cinesi fanno risalire la coltivazione della soia nel loro territorio a più di 3000 anni fa.
L’opinione più accreditata degli studiosi del settore, invece, ritiene che presumibilmente la coltivazione in Cina sia iniziata in un periodo compreso tra il XVII e l’XI secolo a.C.
Dalla Cina la soia si diffuse in tutta l’Asia orientale: Corea, Giappone, Indocina, Filippine, etc.
Fuori dall’Asia la coltivazione della soia è documentata a partire dal XIX secolo.
I maggiori produttori di soia sono gli Stati Uniti (35%), il Brasile (27%) e l’Argentina (19%), seguiti dalla Cina (6%) e dall’India (4%).
Esistono numerose varietà di soia che si differenziano per la capacità di arrampicarsi o di crescere prostrata, per il colore dei semi, per il periodo della fioritura, etc.
Tutta la pianta (foglie, gambi, baccelli) è ricoperta da una sottile peluria di colore grigio o bruno.

I gambi sono lunghi dai 30 cm a più di un metro e hanno foglie trifolate.
I frutti sono baccelli di lunghezza variabile dai 3 agli 8 cm, di forma diritta o arcuata.
Generalmente ciascun baccello contiene da 2 a 4 semi (chiamati fagioli).
Questi ultimi sono di forma sferica od ellittica ed hanno una colorazione variabile che passa dal giallo al verde fino al nero.
La soia veniva in passato e viene ancora oggi coltivata sia per l’alimentazione umana che per quella animale.
Per l’alimentazione umana si utilizzano i semi che possono essere consumati sia interi (fermentati o non fermentati) che macinati.
Dalla soia non fermentata si ricavano la Farina di soia, l’Olio di soia, il Latte di soia ed il Tofu.
Da quella fermentata si ottengono la Salsa di soia (Tamari), il Miso, il Natto ed il Tempeh.
Il Granulare di soia, da noi utilizzato per la preparazione degli hamburger, è uno dei cosiddetti “ristrutturati” di soia, derivati dalla farina di soia.
La soia è ricca di proteine e presenta poche controindicazioni.
Le proteine contengono tutti gli aminoacidi essenziali, grassi polinsaturi essenziali, ormoni vegetali (chiamati isoflavoni), fibre, vitamine dei gruppi A, B ed E e minerali (calcio, fosforo, magnesio, potassio).
Per questi motivi da sempre la soia è uno degli alimenti preferiti dai vegetariani, che la considerano una valida alternativa alla carne.

VOTA LA RICETTA O IL CONSIGLIO


CONSIGLI E RICETTE CHE POTREBBERO INTERESSARTI


Prima di andar via commenta la Ricetta o il Consiglio ↓

Lasciami un commento alla ricetta o al consiglio che hai trovato qui. Chiedimi un parere o racconta come è andata, proponi una variante o semplicemente lascia un saluto!

L'indirizzo email non verrà pubblicato.