CHEESECAKE CON GLASSA ALL’ARANCIA

Cheesecake con glassa all'arancia
Vota la Ricetta o il consiglio

INGREDIENTI PER UNO STAMPO DI 24 cm

Per la base:
250 g di biscotti secchi “Digestive”, 2 cucchiai di zucchero di canna, 150 g di burro a temperatura ambiente, burro per ungere.
Per la crema al formaggio:
600 g di mascarpone, 350 g di panna fresca da montare, 135 g di zucchero semolato, 40 g di gelatina in fogli, 6 cucchiai di latte, il succo e la scorza grattugiata di 1 arancia.
Per la glassa all’arancia:
500 g di zucchero a velo, 170 ml di succo di arancia.

PREPARAZIONE A FREDDO

Per prima cosa, preparare la base del cheesecake.
Tritare finemente i biscotti e lo zucchero nel mixer.
Fondere il burro a bagnomaria o al microonde ed incorporarlo a poco a poco ai biscotti, mescolando.
Ungere di burro uno stampo a cerniera di 24 cm di diametro e di almeno 13 cm di altezza.
Foderarne il fondo con un disco di carta da forno di uguale diametro.
Versare il composto, pressarlo e livellarlo.
Mettere lo stampo in frigorifero per almeno un’ora.

Nel frattempo, preparare la crema al formaggio.
Mettere a bagno la gelatina in acqua fredda per 30 minuti.
Mescolare accuratamente il mascarpone con lo zucchero, il succo e la scorza grattugiata dell’arancia.
A parte, fare appena scaldare il latte.
Toglierlo dal fuoco ed unire la gelatina ben strizzata.
Mescolare e versare il composto sulla crema di mascarpone.
Amalgamate il tutto accuratamente.
Intanto, montare a neve ben ferma la panna.
Incorporarla delicatamente alla crema, con un leggero movimento dal basso verso l’alto.
Trascorso il tempo indicato per il rassodamento della base, versare la crema di formaggio sullo strato di biscotti.
Livellare la superficie con una spatola da pasticceria.
Mettere in frigorifero per circa 5 ore.

Preparare, poi, la glassa all’arancia.
Mettere lo zucchero a velo in una ciotola ed unire, a poco a poco, il succo di arancia.
Mescolare il composto fino ad ottenere una glassa spalmabile.

Completare, rifinendo il dolce.
Estrarre il cheesecake dalla teglia e posarlo su un piatto da portata.
Stendere la glassa all’arancia e livellarla con una spatola da pasticceria.
Decorare il cheesecake con spicchi di arancia.
Rimettere il cheesecake in frigorifero per qualche ora per fare addensare la glassa e rassodare il dolce.
Toglierlo dal frigorifero una ventina di minuti prima di servirlo.
Tagliare le fette di Cheesecake con glassa all’arancia con un coltello non seghettato, immergendolo volta per volta in acqua calda.
Asciugarlo accuratamente di taglio in taglio.

NOTE E CONSIGLI

  • Il Cheesecake (letteralmente “Torta al formaggio”) è una torta composta da una base rigida preparata con biscotti sminuzzati, ricoperta con un impasto morbido contenente formaggio fresco, integrato con altri ingredienti e addolcito con lo zucchero.
    La superficie del dolce viene, poi, spalmata con uno stato di glassa o con una salsa oppure con una gelatina o una marmellata e, poi, viene guarnita con frutta fresca o secca, con cioccolato o altro.
  • Il dolce, a seconda della ricetta, può essere preparato a freddo o a caldo, cioè a crudo o con cottura al forno.
  • Il Cheesecake è la più famosa di torta al formaggio statunitense.
    Esso è molto gradito anche in altri stati dell’America centro-meridionale, in Gran Bretagna, in Australia, in Nuova Zelanda, in nazioni orientali e in molti stati dell’Europa occidentale ed orientale.
  • Negli ultimi decenni in Italia si è diffusa una “cheesecake mania” e il dolce è apprezzato in tutta la penisola.
  • Naturalmente ne esistono numerosissime varianti, alcune delle quali hanno reso famosa la città o la regione di origine.
    Limitandoci agli stati Uniti d’America, basti pensare, per esempio, al New York cheesecake, al Philadelphia cheesecake e al Cheesecake Pennsylvania Dutch.
    Negli USA vengono cotti in speciali teglie, alte 13-15 cm.
  • In Italia i Cheesecake vengono, generalmente, preparati con la ricotta o il mascarpone, misti ad altri ingredienti.
  • Si tratta, generalmente, di preparazioni dolci.
    Esistono, però. anche i Cheesecake salati.
    In Sicilia, per esempio, si prepara un Cheesecake salato, farcito con salame e pecorino.

NOTIZIE STORICHE

  • Il Cheesecake ha origini antichissime.
    Pur se diverso dalla ricetta moderna, era già conosciuto ed apprezzato nell’antica Grecia.
    A tale proposito, il poeta e filologo greco Callimaco (Cirene, 305 a.C. – Alessandria d’Egitto 240 a.C), ci informa che il primo letterato a scrivere un libro sulla preparazione di torte al formaggio fu un tale Aegimius, probabilmente medico, di cui si sa poco o niente.
  • Con la conquista della Grecia da parte dei Romani, la torta venne conosciuta anche a Roma.
    Infatti, Marco Porcio Catone (Tusculum 232 a.C. circa- Roma 149 a.C.), detto il Censore per la carica politica dallo stesso ricoperta, vissuto nel III secolo a.C., nel “De agri cultura” (la più antica opera latina in prosa giunta per intero fino a noi), cita due ricette a base di formaggio, il “Libum” e la “Placenta”.
    Il primo è una focaccia che veniva offerta agli dei, a base di farina impastata con ricotta e formaggio.
    Anche la “Placenta” veniva offerta come dono votivo.
    Si trattava è una preparazione molto somigliante al Cheesecake moderno, giacché era costituita da un impasto a base di formaggio addolcito con il miele, racchiuso tra due dischi di pasta.
  • Preparazioni simili si diffusero in tutto il Vecchio Continente.
    Furono, poi, gli immigrati a farle conoscere negli Stati Uniti, dove nacque il Cheesecake che noi conosciamo.

CURIOSITÀ

  • I “Digestive” sono dei biscotti molto friabili, di gusto leggermente dolce.
    Sono preparati con farina integrale di frumento mista a farina bianca, olio vegetale, latte scremato e zucchero.
  • Di origine britannica, vennero creati, nella prima metà del XIX secolo, ad Edimburgo nel forno appartenente alla famiglia McVitie.
  • Diffusi su vasta scala, in Italia i “Digestive McVities” sono venduti nei supermercati più forniti o negli autogrill.
  • Hanno una forma tonda, una dimensione più grande rispetto ai biscotti nostrani ed una consistenza granulosa.
  • Sono i biscotti tradizionalmente adoperati per la preparazione dei Cheesecake o di altri dolci similari.
  • In sostituzione si possono adoperare altri biscotti secchi, ma il gusto è certamente diverso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here