Parfait all’Armagnac

Sorprendi i tuoi sensi con il Parfait all’Armagnac, un dessert straordinario che unisce la dolcezza della crema Chantilly alla complessità aromatica dell’Armagnac.
Le prugne secche ammorbidite con il Cognac donano un tocco irresistibile.
La preparazione richiede attenzione ma il risultato è una delizia perfettamente equilibrata.
Delizia i tuoi ospiti con questo dessert “perfetto” che si discosta dalla solita routine dolce.

04 Settembre 2010 / Aggiornata il 20 Giugno 2024

Ricetta Parfait all’Armagnac

di FraGolosi

Categoria: Gelateria

Tempo totale: 25 min più tempo di raffreddamento

Nessuna Immagine
  • Tempo di preparazione
    Tempo di Preparazione 20 min più tempo di raffreddamento
  • Tempo di cottura
    Tempo di Cottura 5 min
  • Porzioni
    Porzioni 4
  • Difficoltà
    Difficoltà Facile
  • Costo
    Costo Basso
  • Cucina
    Cucina Italiana

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

Per la crema chantilly:
250 ml di panna fresca da montare, 30 g di zucchero a velo, ½ bustina di vanillina.
Per lo sciroppo di zucchero:
1 bicchiere d’acqua, 120 g di zucchero a velo.
Per la preparazione:
3 tuorli d’uova, 2 albumi.
Per aromatizzare:
½ bicchierino di Armagnac.
Per decorare:
prugne secche, ammorbidite con due cucchiai di Cognac.

PREPARAZIONE

Lasciare rinvenire le prugne nell’Armagnac.
Preparare la crema Chantilly, montando la panna fresca con lo zucchero a velo e la vanillina.
A parte, preparare uno sciroppo di zucchero, facendo bollire per un paio di minuti l’acqua assieme allo zucchero, fino a quando quest’ultimo diventerà un caramello leggermente dorato.
Separare gli albumi dai tuorli.
Mettere 2 albumi in una terrina e montarli a neve ben ferma.
Versare, poi, i 3 tuorli in una ciotola e mescolandoli con una frusta elettrica, ricoprirli, a filo, con lo sciroppo di zucchero caldo, ma non bollente.
Questa operazione servirà a pastorizzare le uova.
Continuare a montare i tuorli, fino a quando il composto, raffreddandosi, diventerà di colore bianco.
Per facilitare il raffreddamento, immergere la ciotola in acqua ghiacciata.

A questo punto, aggiungere l’Armagnac.
Mescolare con cura ed unire, a poco a poco, la crema Chantilly.
A questo punto, incorporare gli albumi montati a neve, con un delicato movimento dal basso verso l’alto, in modo da non smontarli.
Foderare uno stampo con la pellicola trasparente e ricoprire con il composto.
Sbattere piano il contenitore, in modo da fare assestare il tutto.
Coprire con la pellicola per alimenti e mettere a raffreddare nel freezer per 5 ore.
Prima di servire, lasciare il contenitore a temperatura ambiente per 15 minuti.
Capovolgere, quindi, lo stampo sul piatto di portata ed eliminare il contenitore e la pellicola.
Decorare il Parfait all’Armagnac con le prugne sgocciolate e tagliate a spicchi.

NOTIZIE STORICHE E CURIOSITÀ

  • Il termine francese “parfait” significa letteralmente “perfetto”.
  • Nel 1894 la parola entra a far parte del linguaggio culinario e viene utilizzata per indicare un dessert freddo.
  • Si tratta, infatti, di un semifreddo a base di uova, sciroppo di zucchero, panna e l’ingrediente che ne caratterizza il sapore, nel nostro caso l’Armagnac.

NOTE E CONSIGLI

  • Lo stampo classico dei parfaits ha una forma cilindrica con la cupola appuntita.
  • In sostituzione utilizzare uno stampo per budini, purché sia abbastanza alto.
5/5 (1 Voto)




La ricetta è inserita in queste raccolte, per scoprire nuove ricette:

GelatiSemifreddiRicette di Parfait

ALTRE RICETTE E CONSIGLI

FraGolosi

Dal 2008 ogni giorno pubblichiamo nuove ricette di cucina e piatti tipici e passiamo da una ricetta all'altra perchè adoriamo la buona cucina! Cucinare è un piacere a cui non sappiamo rinunciare. Dalle ricette tradizionali della nonna a quelle più sfiziose e originali passando per quelle più facili e veloci. Condividiamo online le migliori ricette da preparare in casa e se anche tu hai la nostra stessa passione continua a seguirci, ci trovi sempre qui e sui principali social network, ti aspettiamo.

Lascia un commento alla Ricetta Parfait all’Armagnac

Chiedici un approfondimento su come si fa, lasciaci un messaggio e se hai provato la ricetta facci sapere come è andata.

Iscriviti alla Newsletter!

Vai su