Pepe bianco

Pepe bianco
Il pepe bianco si ottiene togliendo l’involucro esterno della bacca della pianta del Pepe e lasciando il solo seme.
Appena raccolte, le bacche rossastre del pepe, ormai giunte a maturazione, vengono tenute a bagno in acqua per circa una settimana.
Trascorso questo periodo, la parte che le riveste esternamente (pericardio) si stacca e viene eliminata mediante sfregamento.
Il seme viene, poi, essiccato per qualche giorno al sole o negli essiccatoi per qualche ora.
Il pepe bianco viene utilizzato intero o macinato.
Dal momento che quest’ultimo perde rapidamente il suo aroma caratteristico, è buona norma macinarlo al momento. Il pepe bianco ha un sapore delicato e viene adoperato per insaporire salse bianche o piatti con alimenti di colore chiaro.
Il pepe bianco più pregiato è il Muntok, originario dell’isola Bangka (Sumatra, Indonesia).
Ha un sapore leggermente pungente, con note aromatiche e si adatta a qualsiasi tipo di pietanza.

« Torna al Dizionario Gastronomico

Non ci sono commenti