Pollo alla Cacciatora
Pollo alla Cacciatora
Vota!
0/5 (0 Voti)

Il Pollo alla Cacciatora è un piatto tipico della cucina Toscana.
Nel tempo è diventato popolare prima in altre regioni italiane e, poi, in tutto il mondo.
Per questo motivo il pollo alla cacciatora entra nel novero dei piatti classici tradizionali della gastronomia italiana.
Si tratta di un piatto legato all’ambiente rurale, quando l’allevamento dei polli per uso personale era molto frequente.
Nei giorni di festa si era soliti cucinare un pollo, utilizzando le verdure e gli aromi dell’orto di casa.
Per questo motivo, nel tempo si sono diffuse numerose varianti del piatto, che vanno dalla cottura del pollo alla cacciatora in bianco all’inserimento del vino bianco, all’aggiunta di pancetta affumicata o di funghi per insaporire il piatto, etc.
La ricetta consiste nel cuocere il pollo, precedentemente rosolato, assieme ad un trito di sedano, carota, cipolla ed aglio.
Il tutto viene, poi insaporito con vino rosso, alloro, rosmarino ed olive nere.
La ricetta del pollo alla cacciatora è semplice da preparare, ma risulta estremamente gustosa.
Con il sughetto ottenuto si può preparare la pasta alla cacciatora, un ottimo primo piatto solitamente preparato con tagliatelle o pappardelle.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

1 pollo di circa 1 kg, 500 g di carote, 1 grossa cipolla, 3 coste di sedano, 1 spicchio d’aglio, 500 g di pomodori pelati a pezzettoni, 1 bicchiere di vino rosso, 2 foglie di alloro, 1 rametto di rosmarino, 100 g di olive taggiasche denocciolate, ½ bicchiere d’olio extravergine d’oliva, sale e pepe.

PREPARAZIONE

Sciacquare il pollo, poi asciugarlo e tagliarlo in pezzi.
Spuntare le carote, pelarle e sciacquarle.
Tagliarle in pezzi.
Sbucciare la cipolla, lavarla ed affettarla.
Svestire lo spicchio d’aglio e sciacquarlo.
Togliere alle coste di sedano la parte dura della base e rimuovere i filamenti più duri.
Lavarle passandole sotto l’acqua corrente e tagliarle in pezzi.
Mettere nel vaso del mixer le carote, la cipolla, il sedano e lo spicchio d’aglio.
Azionare l’apparecchio ad intermittenza fino ad ottenere un trito grossolano.
Scaldare 4 cucchiai d’olio in una padella antiaderente e lasciarvi rosolare il pollo a fuoco medio-alto, fino a quando tutti i pezzi saranno dorati da tutti i lati.

Metterli, poi, da parte.
In un largo tegame scaldare l’olio rimasto e soffriggere il trito di carota, cipolla, sedano ed aglio.
Unire le foglie d’alloro, il rosmarino e lasciare cuocere per circa 5 minuti, mescolando ad intervalli regolari.
Aggiungere, poi, il pollo e lasciarlo insaporire per qualche minuto prima di sfumarlo con il vino rosso.
Lasciare evaporare la componente alcolica, quindi unire i pomodori pelati ed insaporire di sale e di pepe macinato al momento.
Coprire il tegame con un coperchio e proseguire la cottura per circa 40 minuti o fino a quando il pollo diventerà morbido e ben cotto.
Se necessario, durante le fasi della cottura, bagnare il pollo con qualche mestolo di acqua calda.
A cottura quasi ultimata, togliere il coperchio ed aggiungere al pollo alla cacciatora olive taggiasche sminuzzate.
Una volta cotto, trasferire il pollo su un piatto di servizio e servirlo ben caldo.

CONSIGLI

Nella preparazione di questo piatto è possibile utilizzare anche singolarmente le varie parti del pollo: coscette, cosciotti, petto e sovracosce.
Una delle preparazioni più utilizzate è sicuramente quella delle cosce di pollo alla cacciatora.

CURIOSITÀ

Il nome “Cacciatora” deriva da cacciatore.
La locuzione “alla cacciatora” significa “alla maniera dei cacciatori”.
Infatti, probabilmente in origine il piatto era preparato con carne di selvaggina.
Oggi, invece si, preferisce adoperare la carne di allevamento.
In ambito culinario la locuzione si utilizza per indicare per indicare una particolare cottura, a base di carni bianche (soprattutto pollo e coniglio) o selvaggina, che ridotte in pezzi, vengono cotte in olio, con l’aggiunta di vino, assieme a pomodori pelati, cipolla, sedano, carote ed aromi.
Le pietanze cotte alla cacciatora presentano numerose varianti, a seconda delle regioni in cui vengono preparate.

0/5 (0 Voti)

RICETTE SIMILI E CONSIGLI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here