Sauri arrostiti
Sauri Arrostiti
🕓 Tempo di Preparazione:
🕓 Tempo di Cottura:
🍴 Calorie: /100g

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

Per la preparazione:
4 piccoli sauri del peso di circa 300 g ciascuno, sale.
Per il salmoriglio siciliano:
1 limone, 1 spicchio d’aglio, 1 ciuffo di prezzemolo, 3 cucchiai di vino bianco, ½ bicchiere d’olio extravergine d’oliva, acqua q.b., sale e pepe nero.
Per guarnire:
fettine di limone.

PREPARAZIONE

Per prima cosa, spremere il limone e raccogliere il succo in una ciotola.
A parte, con una forchetta sbattere in una scodella l’olio assieme ad un trito d’aglio e prezzemolo.
Continuando a rimestare, unire, a poco a poco, qualche cucchiaio di vino bianco.
Aggiungere poi, poco per volta, il succo di limone.
Continuare a sbattere, fino ad ottenere un’emulsione omogenea, che in Sicilia prende il nome di “Salmoriglio” (sammurigghiu).
Decapitare i sauri, eviscerarli ed eliminare le pinne dorsali, ventrali e pettorali.
Aprirli, quindi, a libro, eliminando la lisca centrale.
Lavarli accuratamente, asciugarli con carta da cucina, salarli e peparli internamente.
Arrostire i sauri sulla brace, bagnandoli di tanto in tanto con un rametto di rosmarino (o un pennello da cucina) intriso di salmoriglio.
Girarli con delicatezza a metà cottura.
In alternativa, arrostirli sulla piastra o sulla bistecchiera elettrica.
A cottura ultimata, trasferire i sauri arrostiti in un piatto da portata e bagnarli con il salmoriglio.
Lasciarli insaporire e servirli, guarnendo il piatto con fette di limone.

A PROPOSITO DEL SAURO

  • “Sauru” (italianizzato in Sauro) è il nome dialettale che a Messina viene dato al “Trachurus trachurus”, un pesce di mare appartenente alla famiglia dei Carangidae.
  • Fa parte del gruppo del “pesce azzurro” ed è facilmente reperibile in tutto il Mar Mediterraneo, dove vive in branchi vicino alle acque costiere.
  • È molto comune nei mari meridionali ed è facilmente reperibile in tutta la Sicilia.
  • Prende nomi diversi a seconda della località in cui viene pescato.
  • Come abbiamo scritto a Messina viene chiamato “Sauru”, in Abruzzo “Suro”, nel Lazio “Sugarello” o “Squamutu”, nelle Marche “Sovre” o “Sugherello”, in Campania “Sauriello” o “Sula/o”, in Liguria “Suc” o “Sorello”, in Puglia “Traule”, “Fraule” o Spicaluru”, in Sardegna “Sauru” o “Surellu”, in Toscana “Suro” o “Sugarello”, in Veneto “Suro” o “Surelo”, nella Venezia Giulia “Suro” o “Contarini”, in Calabria “Saurigghiani” o “Sauru verace”, in altre zone della Sicilia “Pisci Sauru”, “Sauru”, “Sauru”, “Saureddu”, “Saurieddu” o “Sauru scurmu”, etc.
  • Questi sono solo alcuni dei nomi dialettali con cui nelle varie regioni viene chiamato il Trachurus trachurus , talvolta definito anche “Sgombro bastardo”.
  • Il pesce ha occhi grandi, bocca ampia, corpo fusiforme ed allungato di colore grigio o verde-blu.
    La linea laterale è coperta di placchette cornee appuntite.
    Comunemente è lungo tra i 15 ed i 20 cm.
    Alcuni esemplari, però, possono raggiungere i 40 cm di lunghezza e, raramente, anche i 50-60 cm.
    La carne è bianca, dal sapore particolare e piacevole da gustare.
Lascia una Recensione!
5/5 (1 Voto)



Aspetta, per facilitarti nella scelta, prova a dare un'occhiata al nostro elenco ricette diviso per categorie ed in ordine alfabetico. Scegli tra oltre 5000 ricette, buona ricerca da FraGolosi!

LASCIA UN COMMENTO ALLA RICETTA

Please enter your comment!
Please enter your name here