Aceto di vino

Vota!
0/5 (0 Voti)

Aceto di vino
L’aceto di vino è prodotto per fermentazione acetica del vino prodotto da uve bianche o rosse.
Tale fermentazione è effettuata da batteri del genere “Acetobacter”, che provocano la fissazione dell’ossigeno sull’alcool, trasformandolo l’etanolo contenuto nel vino in acido acetico.
Viene adoperato per condire un cibo o per conservare a lungo generi alimentari, mettendoli sott’aceto.
Va adoperato con moderazione in quanto ha un’acidità oscillante tra il 6% e il 7-8 %, a seconda della qualità dell’aceto.
Rientra nella categoria degli alimenti eccitanti.
In base al D.P.R. 12.2.1965 n° 162, art. 41, la denominazione di “Aceto” o “Aceto di vino” può essere attribuita soltanto ai prodotti che hanno:

  • “Un’acidità totale espressa in acido acetico non inferiore al 6 per cento millilitri;
  • Un quantitativo di alcole non superiore all’1,5 per cento in volume […]”
0/5 (0 Voti)
« Torna al Dizionario Gastronomico