I Baci di Dama sono una specialità tipica della pasticceria piemontese, inserita nell’elenco nazionale dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT).
Pur se la paternità dei Baci di Dama viene attribuita al Piemonte, essi vengono molto apprezzati e riprodotti, pur con qualche variante, anche in Liguria.
La specialità viene chiamata “Baci di Dama” perché è composta da due semisfere di pasta unite dal cioccolato fondente, che per aspetto ricordano due labbra impegnate in un bacio.
La ricetta dei Baci di Dama è semplice e veloce.
I Baci di Dama sono deliziosi dolcetti, ottimi da gustare a colazione, a merenda o in qualsivoglia momento di golosità.

03 Marzo 2020 / Aggiornata il

Ricetta Baci di Dama

di FraGolosi

Categoria: Dolci

Baci di Dama Baci di Dama
  • Tempo di preparazione
    Tempo di Preparazione 30 min più tempo di riposo
  • Tempo di cottura
    Tempo di Cottura 10 min
  • Porzioni
    Porzioni 12
  • Difficoltà
    Difficoltà Facile
  • Costo
    Costo Basso
  • Cucina
    Cucina Italiana

INGREDIENTI PER CIRCA 50 BACI DI DAMA (12 PERSONE)

Baci di Dama Ricetta

Preparazione

Immergere per un paio di minuti le mandorle in acqua calda.
Scolarle e strofinarle con un panno, in modo da eliminare la pellicina che le riveste.
Posarle, ben allargate, su una teglia ricoperta di carta da forno e lasciarle tostare per circa 10 minuti a 200°C, rigirandole a metà cottura perché prendano colore da tutti i lati.
Devono diventare dorate, ma non brunite.
Lasciarle intiepidire e tritarle, poi, finemente ad intermittenza in un mixer assieme alla metà dello zucchero.
Azionare il mixer fino ad ottenere una farina fine.

In una ciotola capiente mescolare accuratamente la farina 00, lo zucchero rimasto, il burro morbido tagliato in pezzetti e la farina di mandorle.
Impastare con cura tutti gli ingredienti fino ad ottenere una pasta morbida ed omogenea.
Formare un panetto, avvolgerlo nella pellicola alimentare e metterlo in frigorifero per circa 1-2 ore.

Trascorso il tempo di riposo, preriscaldare il forno a 160°C.
Confezionare con il composto delle palline poco più grandi di una nocciola.
Appoggiarle via via su più teglie foderate con carta da forno, distanziandole fra loro ed appiattendole leggermente da un lato per ottenere la forma di una semisfera.
Farle cuocere nel forno già caldo per circa 12-15 minuti o fino a leggera doratura.
Controllare a vista la cottura, giacché essa dipende dalle caratteristiche del forno utilizzato.
Appena le semisfere sono cotte, toglierle dalla teglia e lasciarle raffreddare su una gratella da pasticceria.
Non preoccuparsi se le semisfere appena uscite dal forno sono ancora morbide, esse induriranno raffreddandosi.
Intanto, grattugiare il cioccolato e scioglierlo a bagnomaria o nel microonde, lasciandolo cremoso, ma ancora denso.

Con un cucchiaino prelevare una piccola quantità di cioccolato fuso ed appoggiarla sulla parte appiattita di metà delle semisfere.
Saldarli a due a due con una leggera pressione.
Non appena formati i Baci di Dama, trasferirli su un vassoio da portata.
Lasciare solidificare il cioccolato, poi i Baci di Dama sono pronti per essere gustati.

Baci di Dama Piemontesi

Baci di Dama Piemontesi

COME CONSERVARE I BACI DI DAMA

I Baci di Dama si conservano per una settimana in una scatola di latta.

BACI DI DAMA STORIA

Secondo alcune fonti i Baci di dama sono nati nel 1893 a Tortona, in provincia di Alessandria, nei locali della pasticceria Zanotti.
A quei tempi i dolcetti venivano preparati con le nocciole giacché, essendo il Piemonte è un buon produttore di nocciole, esse erano facili da reperire e poco costose.
La ricetta venne modificata sul finire del XIX secolo ad opera del cavaliere Stefano Vercesi, che sostituì le nocciole con le mandorle e brevettò la ricetta con il nome di “Baci dorati”.
La nuova ricetta nel 1906 vinse la medaglia d’oro alla Fiera Internazionale di Milano.
Una leggenda, invece, attribuisce la paternità dei Baci di Dama ad un cuoco di casa Savoia nel nel 1852, su richiesta del re Vittorio Emanuele II, avrebbe creato i dolcetti con pochi ingredienti: farina, zucchero, burro, nocciole delle Langhe e cioccolato.
Essi furono talmente apprezzati che da allora in poi vennero serviti sulle tavole reali di tutta l’Europa.
Un’altra ipotesi, infine, riferisce che i Baci di Dama siano stati creati a Novi Ligure dal pasticcere Augusto Manelli, in seguito trasferitosi a Tortona.

5/5 (1 Voto)

FraGolosi

Dal 2008 ogni giorno pubblichiamo nuove Ricette di cucina e Piatti tipici e passiamo da una Ricetta all'altra perchè adoriamo la buona cucina! Cucinare è un piacere a cui non sappiamo rinunciare. Se vuoi saperne di più su come fare una ricetta piuttosto che un'altra questo è il posto giusto. Condividiamo online le migliori ricette da preparare in casa e se anche tu hai la nostra stessa passione continua a seguirci, ci trovi sempre qui e sui principali Social Network, ti aspettiamo.

Lascia un commento alla Ricetta Baci di Dama

Ultima Ricetta

Vai su