Fibra alimentare

Fibra alimentare
La fibra alimentare è costituita da tessuti di origine vegetale che non vengono trasformati dagli enzimi durante la digestione.
Nonostante ciò, le fibre alimentari sono indispensabili per un buon funzionamento del transito intestinale.
Sono, dunque, delle sostanze residue provenienti dalle pareti cellulari o dal citoplasma dei vegetali, costituite da miscugli complessi di glucidi, identificati come polisaccaridi non amilacei.
Le fibre non producono energia e non hanno valore nutrizionale.
Hanno, però. la proprietà di aumentare la sazietà, ritardare la sensazione di fame e favorire l’eliminazione del bolo.
Queste sostanze sono distinte in due categorie:

  • Fibre solubili in acqua (per esempio pectine e mucillagini).
    Sono presenti nella maggior parte delle verdure e della frutta.
    Esse favoriscono l’eliminazione dei grassi e degli zuccheri e sono meglio tollerate rispetto alle fibre insolubili.
    Rinforzano il nostro sistema immunitario, nutrendo anche i batteri del microbiota umano, cioè l’insieme degli organismi che convivono con l’organismo umano senza danneggiarlo.
  • Fibre insolubili in acqua (per esempio cellulosa, emicellulosa e lignina).
    Sono presenti nei cereali completi, in alcune verdure o in qualche tipo di frutta.
    Aiutano a combattere la costipazione intestinale, favorendo l’accelerazione del transito e l’eliminazione delle tossine.
« Torna al Dizionario Gastronomico

Non ci sono commenti