Gli Chnéffléne sono un primo piatto semplice e gustoso della cucina tradizionale della Valle d’Aosta e, in particolare di Gressoney, una vallata ai piedi del Monte Rosa.
Gli chnéffléne vengono preparati con una pastella a base di farina di grano tenero, latte intero, uovo e sale.
La pastella viene, poi, lasciata passare attraverso un’apposita grattugia a fori larghi in modo da cadere in acqua bollente salata.
La cottura è veloce.
Infatti, gli chnéffléne sono pronti non appena salgono a galla.
Come condimento abbiamo preparato una fonduta di toma di Gressoney, che esalta ed avvolge morbidamente i bottoncini di pasta.

12 Novembre 2022 / Aggiornata il 5 Gennaio 2024

Ricetta Chnéffléne

di FraGolosi

Categoria: Primi

Tempo totale: 30 min

Chnéffléne Chnéffléne
  • Tempo di preparazione
    Tempo di Preparazione 15 min
  • Tempo di cottura
    Tempo di Cottura 15 min
  • Porzioni
    Porzioni 4
  • Difficoltà
    Difficoltà Facile
  • Costo
    Costo Basso
  • Cucina
    Cucina Italiana

Ingredienti per 4 persone

  • Per gli chnéffléne:

  • Per la fonduta di Gressoney

    • 400 ml di latte caldo scremato

    • 40 g di burro

    • 1 cucchiaio di farina

    • 1 tuorlo

    • 200 g di toma di Gressoney morbida

    • sale

    • pepe

Come preparare gli Chnéffléne

Preparazione

Setacciare la farina assieme ad un pizzico di sale.
Rompere un uovo in una ciotola e, mescolando con una frusta, unire la farina.
Incorporare, poi, il latte a poco a poco.
Lavorare il composto energicamente con la frusta fino ad ottenere una pastella liscia ed omogenea.
Se necessario, aggiustare di sale e lasciare riposare la pastella per 30 minuti.

Nel frattempo, preparare la fonduta di Gressoney
Eliminare la crosta della toma e tagliarla in listarelle sottili.
Mettere il burro in una casseruola dal fondo pesante e lasciarlo sciogliere a fuoco lento.
Unire un cucchiaio di farina, mescolando energicamente con la frusta per impedire la formazione di grumi.
Continuando a mescolare, aggiungere il latte caldo a filo e subito dopo la toma.
Riportare il composto a bollore, poi togliere la casseruola dal fuoco ed incorporare il tuorlo d’uovo, mescolando velocemente fino a quando non viene assorbito.
Togliere dal fuoco la fonduta e passarla attraverso un colino.
Insaporire la fonduta di toma di sale (se occorre) e di pepe bianco, quindi tenerla in caldo.

Portare a bollore abbondante acqua salata in una pentola capiente.
Lasciare cadere nell’acqua bollente un mestolo di pastella alla volta, facendolo passare attraverso un apposito attrezzo per spätzle munito di un contenitore scorrevole.
Fare scorrere avanti e indietro l’attrezzo, in modo che l’impasto cada attraverso i fori.
In alternativa, utilizzare uno schiacciapatate a fori larghi o una padella a fori larghi come quella che si utilizza per cuocere le castagne arrosto.
In questo caso, per facilitare la caduta dell’impasto, spingerlo con il dorso di un cucchiaio.
L’impasto cadendo nell’acqua a lento bollore formerà dei bottoncini di pasta.
Lasciarli cuocere per circa 1-3 minuti o fino a quando si gonfieranno e saliranno a galla.
Scolarli via via con una schiumarola.
Trasferire i chnéffléne nei piatti e condirli con la fonduta di toma di Gressoney, mescolandoli delicatamente.

QUALCHE NOTIZIA SULLA TOMA DI GRESSONEY

La toma di Gressoney è un formaggio semi grasso a crosta semi lavata che viene prodotto da latte vaccino crudo munto a mano, raccolto da due mungitura e scremato per affioramento.
È riconosciuta come presidio Slow Food e P.A.T. della Valle d’Aosta.
Per proteggere il formaggio, il Comune di Gressoney ha predisposto un disciplinare di produzione. La toma di Gressoney è un formaggio da alpeggio, prodotto solo in estate.
Ogni forma di toma pesa mediamente dai 2 ai 5 chilogrammi.
La crosta è liscia e con un colore che varia dal rosa al rossiccio a seconda della stagionatura del formaggio.
Man mano che procede la stagionatura, la crosta diventa rugosa.
La pasta è occhiata e si presenta inizialmente di colore bianco avorio, per poi diventare di colore da giallo paglierino ad ocra man mano che aumenta la stagionatura.
La toma di Gressoney, leggermente stagionata, profuma di funghi e di muschio.
Ha un sapore che ricorda quello del pepe e della vaniglia, che lascia in bocca un retrogusto simile a quello del parmigiano.
La toma è morbida e gustosa quando è poco stagionata, ma diventa eccellente dopo un anno di stagionatura.
È perfetta come antipasto o a fine pasto, specialmente se è accompagnata da fette di pane casereccio.
Come ingrediente entra a far parte di molte preparazioni (per esempio la fonduta).

0/5 (0 Voti)


Da provare:



La ricetta è inserita in queste raccolte, per scoprire nuove ricette:

Primi AlternativiPrimi PiattiRicette VegetarianeRicette con Fonduta

ALTRE RICETTE E CONSIGLI

FraGolosi

Dal 2008 ogni giorno pubblichiamo nuove ricette di cucina e piatti tipici e passiamo da una ricetta all'altra perchè adoriamo la buona cucina! Cucinare è un piacere a cui non sappiamo rinunciare. Dalle ricette tradizionali della nonna a quelle più sfiziose e originali passando per quelle più facili e veloci. Condividiamo online le migliori ricette da preparare in casa e se anche tu hai la nostra stessa passione continua a seguirci, ci trovi sempre qui e sui principali social network, ti aspettiamo.

Lascia un commento alla Ricetta Chnéffléne

Chiedici un approfondimento su come si fa, lasciaci un messaggio e se hai provato la ricetta facci sapere come è andata.

Ricette in evidenza

Iscriviti alla Newsletter!

Vai su