Bagnomaria

Bagnomaria:

  • Cottura a bagnomaria: tecnica di cottura, a calore indiretto, indicata per cuocere una pietanza delicata, che non deve bollire (per esempio flan, sformati, soufflé…).
    Consiste nell’immergere il recipiente che contiene la vivanda in un altro più grande riempito a metà di acqua, che viene costantemente mantenuta vicino all’ebollizione (circa 90-95°C), senza giungere mai a pieno bollore.
    Infatti, bisogna evitare che l’acqua raggiunga la piena ebollizione, in quanto, bollendo energicamente, rischierebbe di penetrare nella preparazione.
    Invece, l’acqua deve rilasciare lentamente calore alla preparazione, senza stressarla.
  • Il bagnomaria si usa, oltre che per cuocere, per mantenere in caldo o riscaldare un cibo, una salsa o altro.
    In verità, tutte le pietanze andrebbero riscaldate a bagnomaria, per evitare il gusto del “riscaldato”.
  • Il Bagnomaria è anche adoperato per fondere il cioccolato o il burro.

C

« Torna al Dizionario Gastronomico