Frattaglia

Vota la Ricetta o il consiglio

Frattaglia
Il termine, usato generalmente al plurale (frattaglie), deriva dal latino “frangere”, rompere.
Parti ed interiora commestibili di animali: cervella, fegato, cuore, polmoni, milza, reni, animelle, trippa, lingua, testa e zampe.
Le frattaglie possono essere adoperate per preparare un ragù o per preparare un brodo dal gusto particolare da aggiungere ad una salsa per insaporirla e rinforzarla.

« Torna al Dizionario Gastronomico