15 Settembre 2018

Come pulire i gamberoni

di FraGolosi

Prima di scoprire insieme come pulire i gamberoni ecco una breve introduzione.
Il gamberone, comunemente chiamato anche gambero rosso, è un grosso gambero commestibile appartenente alla famiglia Aristeidae e alla specie Aristeomorpha foliacea.
Il gamberone è un crostaceo decapode, possiede cioè 10 zampe.
Il corpo è diviso in tre sezioni: una testa con antenne che comprende anche il torace, un addome chiamato carapace formato da appendici natatorie dalle quali si dipartono delle appendici.
L’ultimo segmento finisce con una coda a forma di ventaglio.
Il rostro possiede più di 4 denti nella parte dorsale.
Tale numero aumenta fino a 5-6 negli esemplari di genere femminile.

Il gamberone è caratterizzato da una livrea di colore rosso scuro.
Le femmine possono misurare fino a 22 cm.
I maschi, invece, hanno dimensioni più piccole (fino a 17 cm).
I gamberoni vivono nei fondali fangosi delle zone temperate e tropicali.
Sono presenti in tutto il Mediterraneo (in particolare in Italia e in Spagna e in Africa settentrionale), nell’Atlantico orientale ed occidentale, nell’Oceano Indiano, in Australia e in Nuova Zelanda.
Nello Stretto di Messina le femmine si riproducono in estate-autunno.
Si nutrono di invertebrati, principalmente di krill.

COME PULIRE I GAMBERONI

I gamberoni sono molto apprezzati per la loro carne squisita e prelibata, caratterizzata da un sapore intenso e gradevole.
Possono essere acquistati congelati o freschi.
Quelli congelati, prima di procedere con la pulizia, vanno lasciati decongelare in frigorifero per almeno 8 ore
Quelli freschi vanno puliti subito.

Ecco come procedere con la pulizia dei gamberoni.
Sciacquare i gamberoni in acqua fredda.
Afferrare una ad una le zampette con le dita e staccarla.
Senza staccare le teste, sgusciare i gamberoni, eliminando il carapace a partire dalla parte opposta alla coda.
Lasciare la coda per una questione estetica e per facilitare la presa.
Incidere il dorso e con uno stuzzicadenti tirare via il filo nero intestinale che si trova sulla schiena.

Nell’eseguire l’operazione cominciare a tirare i filo intestinale prima dalla parte della testa e, poi, da quella opposta.
Prestare attenzione a non romperlo.
Rilavare i gamberoni sotto il getto dell’acqua corrente, sgocciolarli ed asciugarli bene tamponandoli con un canovaccio.
Se, invece, vogliamo utilizzare i gamberoni senza sgusciarli, una volta eliminate le zampe, dobbiamo rimuovere il filo intestinale.
Dopo avere inciso il carapace con delle forbici, allargare i lembi e con uno stuzzicadenti tirare via, senza spezzarlo, il filo intestinale.

NOTA
Sia che si vogliano cucinare dei gamberi sgusciati o con il carapace, è discrezionale togliere la testa o la coda.


FraGolosi

Dal 2008 ogni giorno pubblichiamo nuove Ricette di cucina e Piatti tipici e passiamo da una Ricetta all'altra perchè adoriamo la buona cucina! Condividiamo online le migliori ricette dei piatti che prepariamo in casa giornalmente. Se anche tu hai la nostra stessa passione continua a seguirci, ci trovi sempre qui e sui principali Social Network, ti aspettiamo :-)

Lascia un commento al consiglio

La Newsletter di FraGolosi

Vai su