Anelli di calamari fritti
Anelli di calamari fritti

    Gli Anelli di Calamari Fritti sono un ottimo secondo piatto di pesce, particolarmente sfizioso.
    La Ricetta dei calamari fritti, gli Ingredienti e i Consigli.

    INGREDIENTI PER 4 PERSONE

    1,5 kg di anelli di calamari.
    Per la panatura:
    250 g di farina, preferibilmente di semola, sale.
    Per friggere:
    olio di semi di arachidi o d’oliva.

    PREPARAZIONE

    Afferrare la testa di ogni calamaro e tirarla dolcemente, senza strappi, fino a quando si staccherà dal sacco.
    Separare i tentacoli dagli occhi e dalle interiora.
    Eliminare questi ultimi.
    Aprire al centro i tentacoli ed eliminare il becco corneo.
    Aprire delicatamente la sacca, senza romperla, ed eliminare l’osso cartilagineo.
    Eliminare, anche, altre interiora e quant’altro si trova all’interno del corpo del mollusco, compreso l’inchiostro.
    Togliere, poi, la pelle, tirandola con delicatezza.
    A questo punto, sciacquare accuratamente tutto ed asciugarlo con la carta assorbente da cucina (o mettere a sgocciolare per 15 minuti).
    Tagliare, quindi la sacca ad anelli regolari.
    Tagliare, anche, le ali ed i tentacoli.
    Versare la farina in un sacchetto di plastica per alimenti.

    Mettere a riscaldare olio abbondante in una padella dai bordi alti.
    Portarlo a temperatura, senza raggiungere mai il punto di fumo.
    Mentre l’olio diventa caldo (ma non bollente), mettere dentro al sacchetto un pugno di calamari alla volta, compresi “ali” e tentacoli.
    Scuotere bene il sacchetto per favorire la panatura.
    Friggere i calamari, stando bene attenti a non scottarsi con eventuali schizzi di olio.
    I calamari ad anelli saranno cotti in 4-5 minuti.
    Appena dorati, prenderli con una schiumarola forata e metterli ad asciugare su carta assorbente.
    Procedere con lo stesso metodo, fino al termine degli anelli di calamaro.
    A cottura ultimata, salare.
    Servire subito gli anelli di calamari fritti con fettine di limone.

    A PROPOSITO DEGLI ANELLI DI CALAMARI FRITTI

    • Gli anelli di calamari fritti sono un ottimo secondo di pesce, da utilizzare anche come antipasto.
    • Pur se il metodo di panatura consigliato è il più accreditato, i calamari ad anelli possono essere panati utilizzando uno dei seguenti metodi:
    1. Passarli nella farina, poi nell’uovo sbattuto ed infine nella mollica;
    2. Passarli nella farina e poi nell’uovo sbattuto.

    COME FRIGGERE I CALAMARI?

    • I calamari, se non sono stati asciugati bene, hanno la pessima abitudine di “schizzare” l’olio, procurando ustioni più o meno profonde.
      Pertanto, è tassativo asciugarli perfettamente, prima di friggerli.
    • Gli anelli di calamari fritti si salano a fine cottura.
      Tuttavia alcuni preferiscono salare leggermente anche la farina.

    VARIANTE

    Gli anelli di calamaro si possono cuocere al forno, dopo averli passati nell’uovo e nel pangrattato.
    Porre in forno preriscaldato a 200°C, fino a doratura.

    ALTERNATIVA

    Gli anelli di totano fritti sono un’ottima alternativa a quelli di calamari.


    Dal 2008 ogni giorno pubblichiamo nuove Ricette di cucina e Piatti tipici e passiamo da una Ricetta all'altra perchè adoriamo la buona cucina! Condividiamo online le migliori ricette dei piatti che prepariamo in casa giornalmente. Se anche tu hai la nostra stessa passione continua a seguirci, ci trovi sempre qui e sui principali Social Network, ti aspettiamo :-)

    23 Commenti

    1. pensavo di carpire quanche aspetto tecnico di preparazione diverso dal rutinario.
      starò molto attento a seguire la vostra ricetta
      sperando di ottenere il medesimo risultato di quando vado a ristorante

    2. Salve, ma io ho provatto a friggere gli anelli senza aver tolto antecedentemente la pellicina nera ed ho riscontrato che gli stessi anelli, dopo cotti, rimangono fragranti e non mollicci. Il segreto sarà la non eliminazione della pellicina?

    3. veramente il mio pescivendolo mi ha rivelato un segreto per friggere totani e calamari per farli restare croccanti: prima di passarli nella farina, bisogna passarli nella chiara d’uovo sbattuta leggermente…..(senza cioè farla nontare).ok? provare per credere|!!|

    4. stasera provo subito: non avevo mai pensato all’idea intelligentissima di mettere la farina nel sacchetto!!!…per una volta provo a non impiastricciarmi le mani…e poi così credo sia più omogenea. Voglio comunque provare a mettere una cucchiaiata di farina gialla oltre a quella bianca per vedere se mi dà più croccantezza…

    5. l’avrei fatti proprio così, ma voleveo accertarmene confrontando il web e questa ricetta faceva al caso mio: è ben scritta e dettagliata, quindi complimenti e grazie

    6. Ciao FraGolosi, adoro i calamari fritti e la tua ricetta e ben dettagliata. Io li impano prima nella farina00 e poi nel pangrattato…

    7. Ragazzi ma il condimento perfetto dolo i sali di Cipro al limone!!!! Gli anelli non appassiscono con il succo di limone e il sale croccante ne conserva tutto il sapore!!!! perfetti!

    LASCIA UN COMMENTO ALLA RICETTA

    Please enter your comment!
    Please enter your name here