MEZZE LUNE DI CARNEVALE

INGREDIENTI

Per la pasta frolla:
400 g di farina 00, 2 uova intere, 220 g di zucchero, 220 g di burro a temperatura ambiente, un aroma a scelta (tra vaniglia, buccia grattugiata di un limone non trattato, buccia grattugiata di un’ arancia, fialetta di rhum o altro liquore), un pizzico di sale.
Per il ripieno:
300 g di marmellata di arance, 50 g di gocce di cioccolato, 2 cucchiai di cognac.
Per spennellare:
1 tuorlo d’uovo, latte.
Per spolverizzare:
zucchero a velo.

PREPARAZIONE

Setacciare la farina.
Versarla sulla spianatoia a formare la classica fontana.
Mettere nel centro il burro sminuzzato e lo zucchero.
Iniziare senza alcun liquido, facendo “sabbiare” la farina, il burro e lo zucchero.
Occorre, cioè, ridurre in sabbia questi ingredienti, pizzicandoli velocemente con le dita.
Unire, poi, il sale, l’aroma ed amalgamare il tutto.
A questo punto, unire le uova ed impastare velocemente fino a formare una pasta morbida ed omogenea.
Fare una palla, avvolgere la frolla nella pellicola trasparente e riporla in frigorifero per almeno 30-40 minuti.
Stendere, poi, la pasta frolla allo spessore di 5mm e ricavarne dei dischi di circa 10 cm di diametro.
Passare, poi, alla preparazione del ripieno.

Versare la marmellata di arance in una ciotola.
Mescolarla con un cucchiaio di legno per ammorbidirla e, poi, incorporarvi le gocce di cioccolato.
Aromatizzare, quindi, il tutto con il cognac.
Mettere al centro di ciascun disco di pasta frolla un cucchiaio di ripieno e chiudere a mezza luna.
Avere l’accortezza di sigillarne accuratamente il bordo, per evitare che il ripieno fuoriesca durante la cottura.
Appena preparati tutti i dolci, accomodarli su una teglia rivestita di carta da forno.
Spennellarli con il tuorlo sbattuto assieme ad un dito di latte.
Preriscaldare il forno a 180°C e cuocere le mezze lune per circa 15-20 minuti.
Estrarli appena diventeranno uniformemente dorate.
Lasciarle raffreddare e, poi, cospargerle di zucchero a velo.

NOTE E CONSIGLI

L’impasto della pasta frolla va, obbligatoriamente, lavorato velocemente.
Infatti il calore delle mani, riscaldando il burro, renderebbe la pasta corposa ed elastica e, quindi, inadatta alla preparazione.
Invece, una lavorazione veloce rende la frolla friabile e delicata.

VOTA LA RICETTA O IL CONSIGLIO


CONSIGLI E RICETTE CHE POTREBBERO INTERESSARTI


Prima di andar via commenta la Ricetta o il Consiglio ↓

Lasciami un commento alla ricetta o al consiglio che hai trovato qui. Chiedimi un parere o racconta come è andata, proponi una variante o semplicemente lascia un saluto!

L'indirizzo email non verrà pubblicato.