STINCO DI MAIALE AL FORNO

0

Lo Stinco di Maiale al Forno con Patate è un piatto della cucina tradizionale italiana, adatto soprattutto alla stagione invernale.
È, infatti, molto sostanzioso e gustoso.
La Ricetta, gli Ingredienti e i Consigli.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

1 stinco di maiale del peso di 1 kg (o 4 piccoli del peso di circa 250 g cadauno), 4-5 bacche di ginepro, 2 foglie di alloro,1 spicchio d’aglio, 1 dado vegetale, 2 bicchieri di vino (rosso o bianco a piacere), 80 g di burro, sale e pepe.
Per accompagnare:
700 g di patate, 1 rametto di rosmarino, 4 spicchi d’aglio non sbucciati, 50 ml di olio extravergine d’oliva, sale e pepe.

PREPARAZIONE

Sciacquare lo stinco, asciugarlo e con un coltello affilato incidere le parti grasse in più punti.
Lessarlo, poi, a fuoco dolce in acqua bollente per circa 30 minuti dalla ripresa del bollore.
Successivamente, scolarlo ed asciugarlo con un canovaccio o con carta da cucina.
In una padella antiaderente scaldare il burro assieme ad uno spicchio d’aglio.
Appena il burro inizierà a sfrigolare, eliminare l’aglio.
Unire lo stinco di maiale e farlo rosolare a fuoco vivace.
Girarlo da tutti i lati in modo che prenda una colorazione uniforme.

Eseguire la rosolatura girando lo stinco con l’ausilio di due palette da cucina o di un’apposita pinza.
L’utilizzo di questi utensili (e non di una forchetta) evita il rischio di forare lo stinco con conseguente fuoriuscita di liquidi (che renderebbe asciutta e stopposa la carne).
A rosolatura completata, bagnare lo stinco con un bicchiere di vino bianco.
Lasciare evaporare la componente alcolica.
Nel frattempo, preriscaldare il forno a 180°C, in modalità statica.
Poi, trasferire lo stinco in una teglia da forno unta d’olio.
Unire le foglie di alloro, qualche ago di rosmarino, le bacche di ginepro e bagnare con 2 bicchieri di acqua calda in cui è stato sciolto il dado.

Infornare lo stinco di maiale, avendo l’accortezza di girarlo di tanto in tanto con le palette.
Al bisogno, bagnarlo con il fondo di cottura.
Se necessario,diluire il fondo con acqua calda e/o vino, in quanto lo stinco non deve mai rimanere asciutto.
Lasciarlo cuocere per circa 45 minuti.
Intanto, sbucciare le patate.
Se le patate sono novelle, possono essere cucinate con tutta la buccia.
Lavarle e tagliarle in pezzi o a spicchi.
Tenerle immerse in acqua fredda fin quasi al momento dell’utilizzo, poi scolarle ed asciugarle con un canovaccio.
Accomodare le patate in un contenitore e bagnarle con l’olio extravergine d’oliva.

Unire gli aghi di rosmarino, gli spicchi d’aglio e spolverare di pepe, poi mescolare con cura.
Trascorso il tempo indicato per la cottura iniziale dello stinco, estrarre la teglia dal forno ed eliminare le foglie di alloro e le bacche di ginepro.
Sistemare le patate tutto intorno alla carne.
Rimettere lo stinco nel forno e proseguire la cottura per altri 35-45 minuti all’incirca.
Tenere presente che i tempi di cottura sono puramente indicativi, in quanto dipendono dalle dimensioni dello stinco e dalla qualità della carne.
Pertanto, ci si può regolare essendo a conoscenza che la carne sarà cotta quando si staccherà facilmente dall’osso.

Chi possiede un termometro da carne può misurare la temperatura della carne che deve raggiungere i 58°C.
Durante le fasi della cottura, non tralasciare di girare di tanto in tanto sia la carne che le patate.
Bagnarle, al bisogno, con acqua calda o vino per evitare che a fine cottura la pietanza risulti asciutta.
A cottura quasi ultimata, passare lo stinco con le patate sotto il grill per un paio di minuti.
A cottura ultimata, eliminare gli spicchi d’aglio ed insaporire le patate di sale.
Trasferire, poi, lo stinco di maiale su un piatto da portata, contornandolo con le patate.
Gustarlo ancora caldo.

NOTA

Lo stinco di maiale al forno viene preparato con lo stinco o garretto di maiale, un taglio di carne saporita, che però necessita di tempi lunghi di cottura.
L’unione con le patate lo rende una pietanza gradita a grandi e a piccini, da gustare in occasione di festosa convivialità.

VOTA LA RICETTA O IL CONSIGLIO



Prima di andar via commenta la Ricetta o il Consiglio ↓

Lasciami un commento alla ricetta o al consiglio che hai trovato qui. Chiedimi un parere o racconta come è andata, proponi una variante o semplicemente lascia un saluto!

L'indirizzo email non verrà pubblicato.