MOSTARDA DI UVA TRADIZIONALE

INGREDIENTI PER LA MOSTARDA DI UVA TRADIZIONALE

Per la crema:
2 litri di mosto (da ridurre), 90 g di amido o farina per dolci per ogni litro di mosto ridotto, 10-15 g di cenere per ogni litro di mosto ridotto.
Per insaporire:
100 g di mandorle tostate e/o 100 g di gherigli di noce (o di nocciole), 1 chiodo di garofano, la buccia di un mandarino grattugiata,qualche scorzetta d’arancia essiccata e sminuzzata.
Per spolverizzare:
cannella in polvere.

PREPARAZIONE CON IL METODO TRADIZIONALE

Mettere a bollire il mosto assieme alla cenere, in genere di tralci di vite, che ne riduce l’acidità e lo dolcifica.
Naturalmente la cenere non va dispersa nel liquido, ma viene chiusa in una pezzuola, ben legata, e fatta bollire assieme al mosto.
Fare sobbollire il tutto, finché il liquido si ridurrà della metà, mediante lenta evaporazione.
Dopo l’operazione di riduzione del mosto, il sacchetto con la cenere deve essere eliminato.
Il mosto va, quindi, filtrato (anche più volte) con un colino a maglie strette.
Lasciare raffreddare bene (per circa 12 ore), prima di aggiungere l’amido e procedere alla cottura.
Mescolare 100 ml di mosto con 90 g di amido (o farina) e sciogliere bene con una frusta , per evitare che si formino dei grumi.
Unire, se gradito, un po’ di zucchero.
Versare il composto di farina nel rimanente mosto, mescolare accuratamente e porre sul fuoco.

Lasciare bollire con il chiodo di garofano intero o ridotto in polvere, rigirando in continuazione, fino a quando la mostarda avrà raggiunto una giusta consistenza.
A cottura ultimata, fuori dal fuoco, aggiungere le mandorle e le noci sminuzzate.
Unire, quindi, la buccia grattugiata del mandarino e/o le scorzette d’arancia.
Versare il composto in apposite formine, dal fondo decorato, precedentemente bagnate.
In mancanza delle formine, versare la mostarda in una ciotola o in un piatto inumiditi.
Lasciare raffreddare la mostarda e cospargerla, se gradito, con la cannella.
Mangiare subito oppure conservare in frigorifero per alcuni giorni.

MOSTARDA DI UVA ALLA SICILIANA, LA VIDEO RICETTA

MOSTARDA DI UVA, NOTE E CONSIGLI

  • Alcuni fanno ridurre il mosto di un terzo.
  • La quantità di zucchero dipende dai gusti.
    Chi preferisce una mostarda dal sapore più asprigno eviterà di zuccherarla.
  • Una volta rassodata, la mostarda può essere consumata subito o conservata per essere gustata durante le festività natalizie.
  • In quest’ultimo caso, esporre le formine al sole per 3-4 giorni.
    Successivamente sfornarle, girarle dalla parte non esposta al sole nei giorni precedenti e lasciarle asciugare al sole per altri 2-4 giorni.
  • Quando la mostarda sarà ben asciutta, avvolgerla in carta oleata e conservarla in contenitori con coperchio.

VOTA LA RICETTA O IL CONSIGLIO



2 Commenti
  1. MARCO ha scritto

    LA RIDUZIONE DEL MOSTO ( MEGLIO SE DI UVE NOBILI O DERIVANTE DA TRATTAMENTI DI “PASSITURA” DEI GRASPI ), UNA VOLTA RIDOTTO PER LENTA EVAPORAZIONE DI CIRCA LA META’ SI CONSERVANO A LUNGO ANCHE IN LUOGO ASCIUTTO E BEN CHIUSO IN CONTENITORE ERMETICO E SI PRESTA A MOLTEPLICI USI COME DECORAZIONE E INSAPORITORE DI PIATTI DI CARNE , PESCE FINO AD ARRIVARE A CONDIRE DOLCI A BASE DI FRUTTA E PANNA

    1. FraGolosi ha scritto

      Ciao Marco! Grazie della segnalazione! Continua a degustarci! A presto..

Prima di andar via commenta la Ricetta o il Consiglio ↓

Lasciami un commento alla ricetta o al consiglio che hai trovato qui. Chiedimi un parere o racconta come è andata, proponi una variante o semplicemente lascia un saluto!

L'indirizzo email non verrà pubblicato.