Pasta frolla al cocco

    INGREDIENTI PER UNA TEGLIA DI 26 CM

    300 g di farina 00, 4 tuorli, 80 g di cocco grattugiato disidratato, 135 g di zucchero semolato, 175 g di burro, 1 cucchiaino scarso da caffè di lievito vanigliato per dolci, la scorza grattugiata di un limone non trattato, un pizzico di sale.

    PREPARAZIONE

    Setacciare la farina assieme al lievito e versarla sulla spianatoia a formare la classica fontana.
    Mettere nel centro il burro, il cocco grattugiato finemente e lo zucchero.
    Iniziare senza alcun liquido, facendo “sabbiare” la farina, il burro e lo zucchero.
    Occorre, cioè, ridurre in sabbia questi ingredienti, pizzicandoli velocemente con le dita.
    Unire, poi, il sale, la buccia grattugiata del limone ed amalgamare il tutto.
    A questo punto, unire le uova ed impastare velocemente fino a formare una pasta morbida ed omogenea.
    Fare un panetto, avvolgere la frolla al cocco nella pellicola trasparente e riporla in frigorifero, coperta, per almeno 30-40 minuti.
    Passato il tempo di riposo della pasta frolla al cocco, tirarla col matterello e seguire le istruzioni della ricetta scelta.

    CONSIGLI

    • L’impasto va lavorato velocemente perché teme il calore, anche quello delle mani.
      Pertanto, quando si impasta, è opportuno raffreddare più volte le mani sotto il getto dell’acqua fredda.
      Non tutti, però, sono d’accordo su questo consiglio.
    • Se nonostante gli accorgimenti, la pasta tendesse a sfaldarsi, un buon rimedio è impastarla nuovamente con un albume ed un po’ di acqua fresca.
      Se, invece, dovesse rompersi, impastarla di nuovo velocemente.
    • L’aggiunta del lievito serve a rendere la frolla più friabile.
    • Evitare di cuocere troppo la pasta frolla.
    • Sfornarla quando è ancora morbida, dal momento che si indurirà raffreddandosi.
    • Alcuni aggiungono all’impasto il burro appena uscito dal frigorifero e ridotto in minutissime parti.
      Altri lo preferiscono a temperatura ambiente.
    • Comunque si decida di utilizzare il burro, è preferibile evitare di preparare la pasta frolla nelle giornate eccezionalmente afose.
    Lascia una Recensione!
    0/5 (0 Voti)

    LASCIA UN COMMENTO ALLA RICETTA

    Please enter your comment!
    Please enter your name here