PASTA CON PESTO DI MATAROCCO DI MARSALA

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

350 g di pasta casereccia del tipo “busiati”, 8 pomodori rossi ben maturi, 2-3 spicchi d’aglio (preferibilmente “rosso” della frazione trapanese di Nùbia), un mazzetto di basilico, 1 pizzico generoso di origano, 100 g di mandorle sgusciate, 120 g di pecorino o provola (non eccessivamente stagionati), 1 pizzico di origano, olio extravergine d’oliva, sale, pepe, e peperoncino (facoltativo).

PREPARAZIONE

Lavare accuratamente i pomodori.
Immergerli per un minuto in acqua bollente.
Scolarli e togliere la pelle ed i semi.
Sminuzzarli, poi, finemente.
Lavare il basilico ed asciugarlo.
In un mortaio pestare l’aglio svestito, il basilico, il sale ed il formaggio grattugiato.
Aggiungere i pomodori, 2 cucchiai di olio e le mandorle tritate finemente.
Continuare a pestare ed unire, poi, l’origano, il pepe, il peperoncino tritato (facoltativo) e il rimanente olio extravergine d’oliva.
All’occorrenza, aggiungere ancora un po’ d’olio.
Amalgamare il composto accuratamente, fino ad ottenere una crema omogenea.
Lessare i busiati (preferibilmente fatti a mano) in abbondante acqua bollente salata.
Scolarli al dente e versarli in una zuppiera.
Condirli con il pesto e mescolarli accuratamente assieme ad un po’ di pecorino grattugiato.
Servire subito.

NOTE E CONSIGLI

  • Il pesto di Matarocco di Marsala può essere adoperato per condire la pasta oppure come condimento per bruschette di pane casereccio.
  • In quest’ultimo caso, i pomodori non vanno pelati prima della preparazione.
  • Alcuni, per abbreviare i tempi, invece di pestare gli ingredienti in un mortaio, li frullano in un mixer oppure in un frullatore.
    In questo caso, però, l’apparecchio va azionato solo per pochi secondi.
  • La pasta “busiati” viene preparata con farina di semola di grano duro siciliano ed acqua.
  • Generalmente viene preparata in casa, ma oggi esiste, anche, in versione artigianale.
  • I busiati sono dei maccheroni attorcigliati attorno ad un “buso”, che è il fusto della disa.
  • La disa (Ampelodesmos mauritanicus) è una pianta erbacea perenne, tipica della flora mediterranea, appartenente alla famiglia delle graminacee.

VARIANTI:

  • Alcuni, a fine preparazione, invece di insaporire la pasta con il formaggio grattugiato, preferiscono adoperare la “mollica” (in italiano pangrattato) tostata.
  • Altri spolverano la pasta con bottarga di tonno.

CURIOSITA’:
Ricetta tradizionale Di Marsala (in provincia di Trapani).

VOTA LA RICETTA O IL CONSIGLIO


CONSIGLI E RICETTE CHE POTREBBERO INTERESSARTI


4 Commenti
  1. Chechi ha scritto

    Il loro profumo di questo piatto sà d’estate. Viene bene anche con i semplici spaghetti.

    1. FraGolosi ha scritto

      Ciao, buonissima questa ricetta anche con gli spaghetti.. A presto!

  2. francesco ha scritto

    Matarocco è una frazione di Marsala.E’ anche uno dei piatti tradizionali di Trapani,infatti è più conosciuto al nord come “pesto trapanese”.A Trapani si serve accompagnato con pesce fritto.In macanza si mettono sulla pasta patate fritte.Infatti si usa dire “pasta cu’ l’agghia pistata e pisci frittu”(pasta col pesto e frittura di pesce).Invece la pasta col sugo di pomodoro va accompagnata con le melanzane fritte:”pasta ca’ salsa e milingiani fritti”

  3. gae ha scritto

    Io sono di marsala anche se vivo a genova ed ho mangiato parecchie volte la pasta col matarocco.
    Non ricordo pero’ il gusto delle mandorle che secondo me non ci sta proprio bene, invece è una pasta speciale se alla fine aggiungete un po di pan grattato abbrustolito in un pentolino, non bruciato deve avere un colore nocciola chiaro.

Prima di andar via commenta la Ricetta o il Consiglio ↓

Lasciami un commento alla ricetta o al consiglio che hai trovato qui. Chiedimi un parere o racconta come è andata, proponi una variante o semplicemente lascia un saluto!

L'indirizzo email non verrà pubblicato.