Passatelli con Spinaci e con Fonduta di Emmenthal

I Passatelli con Spinaci e con Fonduta di Emmenthal sono una pietanza squisita ed invitante.
La lavorazione è un po’ lunga, ma il risultato stupirà piacevolmente tutti i commensali.

28 Luglio 2008

Ricetta Passatelli con Spinaci e con Fonduta di Emmenthal

di FraGolosi

Categoria: Primi

Nessuna Immagine
  • Porzioni
    Porzioni 4
  • Difficoltà
    Difficoltà Facile
  • Costo
    Costo Basso
  • Cucina
    Cucina Italiana

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

Per i passatelli:
3 uova, 300 g di spinaci, 6 cucchiai di pangrattato, 3 cucchiai di parmigiano grattugiato, 1 cucchiaio colmo di farina, sale e pepe.
Per la fonduta:
250 g di emmenthal, 150 ml di latte, 20 g di burro, 1 tuorlo, sale e pepe.

PREPARAZIONE

Preparare la fonduta di emmenthal.
Tagliare il formaggio a pezzetti e metterlo a bagno nel latte per alcune ore.
Versare il tutto, assieme al burro, in un pentolino.
Mettere a cuocere a bagnomaria.
Quando il formaggio comincia a fondere, aggiungere il tuorlo, mescolare bene e far cuocere per una decina di minuti.
Togliere dal fuoco e fare raffreddare.
Nettare, lavare e lessare gli spinaci in poca acqua salata.
Strizzarli e tritarli.
Unirli a uova, pangrattato, farina, sale e pepe.
Amalgamare bene tutti gli ingredienti e lasciare riposare l’impasto per un’ora.
Mettere, quindi, a riscaldare in una pentola abbondante acqua salata.
Appena raggiungerà il bollore, passare l’impasto nel passaverdura a fori grossi, lasciando cadere nel liquido bollente i “passatelli”.
Spegnere, non appena i passatelli verranno a galla (dopo 4-5 minuti dalla ripresa del bollore), scolarli e condirli con la fonduta di emmenthal.

NOTE

  • Secondo Pellegrino Artusi ( L’arte di mangiare bene) “si chiamano passatelli perché prendono la loro forma speciale passando a forza dai buchi di un ferro fatto appositamente, poche essendo le famiglie in Romagna che non l’abbiano…”
  • Utilizzare preferibilmente pangrattato ricavato da pane casereccio.
  • Secondo alcuni cuochi, per ogni commensale occorrono 1 uovo, 50 g di pangrattato e 50 g di grana grattugiato.
  • I pareri sono discordi per quanto riguarda il tempo di riposo dell’impasto.
    Alcuni consigliano trenta minuti di riposo, altri un’ora, altri ancora tempi più lunghi.
  • Alcuni uniscono all’impasto la scorza grattugiata di ½ limone non trattato ed un pizzico di noce moscata.
    In ogni caso, l’impasto deve essere sodo, piuttosto granuloso e ruvido.
    Non deve, inoltre, appiccicarsi alle mani; altrimenti è necessario aggiungere altro pangrattato ed altro formaggio.
  • La lunghezza dei passatelli è di circa 4-5 cm.
    Altri, però, li preferiscono molto più lunghi (dai 6 ai 10 cm).
    Qualunque sia la loro lunghezza, non vanno, però, tagliati con un coltello, ma fatti cadere nell’acqua o nel brodo, scuotendo lo schiacciapatate.
  • Tenere, però, presente che lunghi o corti che siano, i passatelli, se preparati bene, non devono spappolarsi nel liquido di cottura.
  • Un ulteriore suggerimento riguarda la cottura.
    Non è necessario, lessare i passatelli tutti in una volta.
    Possono essere versati in pentola in tempi successivi (una schiacciata di impasto per volta) senza che si avverta una differenza di cottura tra i passatelli versati prima e quelli versati in tempi successivi.
  • I pareri sono discordi anche per quanto riguarda il tempo finale di riposo dei passatelli nel brodo.
    Alcuni li servono immediatamente; altri dopo, qualche minuto.
    Altri, ancora, li lasciano riposare anche per 30 minuti, affermando che diventano più gustosi.
    Altri, infine, affermano che i passatelli, essendo un impasto a base di uova, non scuociono mai né, se preparati ad arte, si disfano nel liquido di cottura.
    Pertanto, ipotizzano la possibilità di prepararli a pranzo, lasciarli nel brodo e servirli riscaldati a cena.

FraGolosi

Dal 2008 ogni giorno pubblichiamo nuove Ricette di cucina e Piatti tipici e passiamo da una Ricetta all'altra perchè adoriamo la buona cucina! Condividiamo online le migliori ricette dei piatti che prepariamo in casa giornalmente. Se anche tu hai la nostra stessa passione continua a seguirci, ci trovi sempre qui e sui principali Social Network, ti aspettiamo :-)

Lascia un commento alla ricetta

La Newsletter di FraGolosi

Vai su