Risotto agli Asparagi Selvatici

14 Marzo 2012

Ricetta Risotto agli Asparagi Selvatici

di FraGolosi

Categoria: Primi

Risotto agli asparagi selvatici
  • Porzioni
    Porzioni 4
  • Difficoltà
    Difficoltà Facile
  • Costo
    Costo Basso
  • Cucina
    Cucina Italiana

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

Per il risotto:
400 g di riso Carnaroli, 250 g di asparagi selvatici, 1 cipolla media, 1 spicchio d’aglio, 1 bicchiere di vino bianco secco, 1 litro abbondante di brodo vegetale, 50 g di burro, olio extravergine d’oliva, sale e pepe.
Per mantecare:
una noce di burro, 3 cucchiai di parmigiano grattugiato.

PREPARAZIONE

Pulire gli asparagi selvatici, togliendo accuratamente tutta la terra.
Raschiare i gambi con un coltellino e pareggiarli alla stessa altezza, eliminando la base dura.
Lavarli, legarli e metterli in piedi nell’apposita pentola, con l’acqua che arriva fino a sfiorare le punte.
Lessarli per 10 minuti.
Scolare gli asparagi selvatici, tagliarli in pezzetti e metterli da parte.
Sbucciare la cipolla, lavarla e tritarla finemente.
Pelare anche l’aglio.
Mettere sul fuoco un tegame con il burro ed un cucchiaio di olio.
Quando il burro inizierà a sciogliersi, unire il trito di cipolla e l’aglio intero.

Lasciarli appassire a fuoco dolcissimo, in modo che non prendano colore.
Unire gli asparagi sminuzzati e lasciarli insaporire per 2 minuti.
Togliere l’aglio ed unire il riso.
Lasciarlo tostare per 2 minuti, rimestandolo fino a quando il condimento sarà del tutto assorbito.
Quando sarà diventato lucido, bagnarlo con il vino bianco secco e farlo evaporare, alzando la fiamma al massimo.
Una volta sfumato tutto il vino, abbassare la fiamma e cominciare a bagnare il riso con un mestolo di brodo bollente.
Regolare di sale e di pepe.
Continuare la cottura per altri 15-16 minuti, aggiungendo, a mestoli, il brodo caldo man mano che verrà assorbito, senza smettere mai di mescolare.
A fine cottura, togliere il risotto con asparagi selvatici dal fuoco.
Mantecarlo con il burro e con il parmigiano grattugiato.
Mescolare il risotto accuratamente, coprirlo e lasciarlo riposare per qualche minuto.
Trasferire, poi, il risotto agli asparagi selvatici, su un piatto da portata e servirlo immediatamente.

RISO CON ASPARAGI SELVATICI, NOTE E CONSIGLI

  • L’asparago selvatico (Asparagus acutifolius) è una pianta appartenente alla famiglia delle Liliaceae.
  • Cresce lungo tutto il bacino del Mediterraneo e si raccoglie in primavera, pur se non mancano asparagi che fioriscono in piena estate.
  • Gli asparagi furono apprezzati nell’antichità in Egitto, in Grecia e in Medio Oriente.
    Vennero, poi, introdotti in tutta Europa al tempo delle conquiste romane.
  • Gli asparagi selvatici sono piante esili e sottili, molto difficili da raccogliere in quanto crescono tra cespugli e rovi spinosi.
    Hanno un sapore più intenso rispetto a quelli coltivati.
  • Il tempo di cottura del risotto agli asparagi selvatici è puramente indicativo.
    A tale proposito, seguire le indicazioni riportate sulla confezione.
  • Quella del risotto è una delle ricette con gli asparagi selvatici più apprezzate.
  • A fine preparazione, il risotto con gli asparagi selvatici deve avere una consistenza “all’onda”, cioè morbida e cremosa.
  • Un buon metodo per verificare la morbidezza del risotto è quello di spostare il riso da una parte all’altra del tegame.
    Se si otterranno sulla superficie del riso delle piccole ondulazioni, simili a piccole onde, il risotto agli asparagi selvatici sarà cremoso al punto giusto.

FraGolosi

Dal 2008 ogni giorno pubblichiamo nuove Ricette di cucina e Piatti tipici e passiamo da una Ricetta all'altra perchè adoriamo la buona cucina! Condividiamo online le migliori ricette dei piatti che prepariamo in casa giornalmente. Se anche tu hai la nostra stessa passione continua a seguirci, ci trovi sempre qui e sui principali Social Network, ti aspettiamo :-)

Lascia un commento alla ricetta

La Newsletter di FraGolosi

Vai su